Eventi

Eventi a Cascia


Tradizione che Passione

Festa delle tradizioni rurali della montagna

Il 17 e il 18 gennaio la città di Santa Rita tornerà indietro nel tempo, attraverso un viaggio nella cultura contadina e nell’usanza popolare, il tutto contornato da squisite degustazioni di prodotti tipici. Cascia prende vita con la festa delle tradizioni rurali della montagna, vengono aperti stand di prodotti tipici e degli Antichi Mestieri, laboratori didattici con veri artigiani. Si può assistere ad esibizione di gruppi folk internazionali, degustazione della minestra del contadino. Vengono rappresentati gli antichi mestieri, si possono fare passeggiate a cavallo e in carrozza, nella stessa giornata si assiste alla “Rassegna Interregionale delle Pasquarelle”, uno dei più antichi ed importanti eventi di musica popolare della Valnerina. La rassegna raccoglie gruppi di musica popolare umbri e delle regioni confinanti, che vestiti con abiti tradizionale intonano canti accompagnati da fisarmonica, organetto e caccavella.

Sagra del Tartufo Invernale

Mostra Mercato del Tartufo Nero di Norcia

La mostra che si svolge nell’ultimo weekend di febbraio ed il primo di marzo, è incentrata sul Tartufo nero pregiato, ma riserva spazi di rilievo anche ai prodotti tipici della Valnerina e di Paesi europei ed extraeuropei. Durante la manifestazione si trovano momenti di attrazione turistica con iniziative culturali, folcloristiche e musicali ma anche mostre, convegni riguardo gastronomia e tradizioni del luogo.

Raduno Pia Unione Primaria

La Pia Unione Primaria Santa Rita, nata a Cascia presso il Monastero di Santa Rita e diffusa in ogni parte del mondo, è nata per unire in una grande associazione tutti coloro che cercano Dio, sulle orme di Agostino e Rita, camminando non solo nelle proprie realtà di fede locali, ma anche insieme grazie al coordinamento nazionale. L’evento si svolge due settimane prima delle Festività Pasquali.

Pasqua e Processione del Cristo morto

La processione del Venerdì Santo, viene organizzata dalla Confraternita della Buona Morte, che mantiene viva una tradizione storico-religiosa molto antica. La Processione, che rievoca la passione di Cristo, si muove lungo le vie della cittadina in un’atmosfera suggestiva. La sfilata, che viene completamente eseguita da ogni figura a piedi nudi, il grido lamentoso delle donne e degli uomini e lo strisciare impetuoso delle catene che i Penitenzieri, rigorosamente incappucciati, sono gli unici squarci sonori di questa notte carica di misteri.

Festa di Santa Rita da Cascia

22 MAGGIO

Rievocazione in costume della vita di Rita e della gente del suo tempo, solenne Celebrazione liturgica in onore di Santa Rita. Il programma delle celebrazioni sarà reso pubblico ad aprile.

Festa della Rosa e delle Rite

Si svolge ogni anno l’ultima domenica di Giugno

Consegna della rosa, fiore simbolo di Santa Rita, e della pergamena alle donne che portano il nome di Rita. Solenne celebrazione eucaristica presieduta da Mons. Renato Boccardo, arcivescovo della diocesi di Spoleto-Norcia.

Processione della Spina

Da Giugno ad Agosto si svolge la processione della Spina che ripercorrerà i quindici anni in cui Santa Rita da Cascia portò la stimata sulla fronte.

Aestivum

Mostra Mercato del Tartufo estivo e della rosa canina

L’evento permette di approfondire la conoscenza del Tartufo estivo anche detto scorzone, prodotto principe della Valnerina, con particolare attenzione agli aspetti legati alla raccolta, alla conservazione e al suo impiego in cucina. Ma la mostra sarà incentrata anche sulla Rosa Canina, una delle specie vegetali facenti parte della corte floristica delle tartufaie, fiore diffusissimo nella Valle e che spesso si trova negli stessi ambienti in cui cresce il tuber aestivum. Per la città di Cascia, la rosa, ha un significato ancor più particolare perché profondamente legata alla figura di Santa Rita. La città di santa Rita verrà animata musica, arte, cultura e folclore, e stand gastronomici per la vendita delle migliori produzioni locali legate all’agroalimentare, come lo Zafferano Purissimo di Cascia, la lenticchia, la Roveja di Civita di Cascia, ed il farro, con particolare presenza di espositori di tartufo. Tanti gli eventi collaterali in programma, che vanno dalle degustazioni guidate e laboratori didattici legati al pregiato tubero, nel centro storico del paese, agli approfondimenti che avranno come protagonisti le due specie vegetali, tipiche della zona.

Sagra della Panzanella

Un caratteristico ed antico borgo contadino, Onelli frazione di Cascia, ad agosto grazie alla Sagra della Panzanella ripropone un piatto contadino povero ma fresco e sostanzioso riproposto nelle varianti più gustose la ricetta tradizionale è fatta con pane raffermo, pomodori, cetrioli, cipolla rossa, basilico, sale, pepe, aceto e olio, ma anche alle alici e cipolla. La serata è allietata con musica dal vivo e l’immancabile spettacolo pirotecnico di mezzanotte.

Frazioni in Festa

Sfida culinaria tra i paesi del territorio casciano

Il Palio delle frazioni, la gara culinaria tra le frazioni di Cascia. Il Palio si apre, con il corteo storico, nel quale sfileranno le frazioni con gli stendardi, accompagnate dal gruppo Tamburini e balestrieri medievali di Cascia. A seguire i partecipanti presenteranno i piatti in gara, sarà possibile degustare e votare le pietanze. Al termine, notte bianca con la musica di un’orchestra in sottofondo.

Le Piazze del gusto

Ad agosto, quattro giorni interamente dedicati ai prodotti della Valnerina tra i sapori ed i sapori delle nostre zone. La città di Cascia si trasformerà in un grande “Mercato del sapore” con punti di ristoro dette “piazze” ognuna dedicata ad un frutto della terra. Ci saranno espositori di Formaggio, del Miele e Marmellate, di Legumi, Spezie, Salumi e Pane che metteranno in mostra i loro prodotti spiegando le tecniche di produzione e lavorazione delle materie prime. A contrassegnare l’evento la possibilità di cambiare gli euro con gli Scudi di Cascia necessari per acquistare la merce nelle piazze. Inoltre ad allietare la kermesse gastronomica, artisti di strada, show cooking, rievocazione degli antichi mestieri e un angolo tutto dedicato ai più piccoli con animazione e tanto divertimento.

Zaffarame di Cascia

Mostra mercato dello zafferano purissimo di Cascia

Cascia, fine ottobre - inizio novembre

Lo zafferano è conosciuto fin dai tempi più remoti. Omero, Virgilio, Plinio e Ovidio lo citano nelle loro opere vantandone le virtù nell’arte culinaria e come colorante per tingere stoffe. Presso gli antichi popoli asiatici costituiva un ingrediente comune nella cottura di vivande. Veniva usato anche per preparare misture da bruciare durante le cerimonie religiose. Possiede proprietà digestive, stimolanti. Un tempo allo Zafferano, di cui si utilizzano gli stimmi, venivano attribuite proprietà antidolorifiche e sedative. Quattro giorni di manifestazione, per la Mostra Mercato dedicata alla “spezia regina” di queste terre. Il centro storico di Cascia si tinge di giallo con stand, degustazioni, mostre ed eventi tra enogastronomia e cultura. Un’occasione per conoscere il famoso “Zaffarame di Cascia”, coltivato nelle aziende agricole locali e gustato nell’esclusivo scenario della Piazza di Cascia, che per l’occasione verrà trasformata in una vera e propria locanda, dove sarà possibile assaggiare piatti preparati con questo ingrediente che è una vera prelibatezza.

Mostra mercato del Farro DOP e dei prodotti tipici della montagna

A Monteleone di Spoleto dal 5 al 9 dicembre si svolge la Mostra Mercato del Farro DOP e dei prodotti tipici della montagna. Questa manifestazione unisce la buona gastronomia umbra con le usanze religiose di un tempo ed ha lo scopo di promuovere i prodotti tipici della zona, tra cui il farro di Monteleone di Spoleto che nel 2010 è stato riconosciuto come prodotto con Denominazione di Origine Protetta. Il farro di Monteleone è uno tra i più antichi di Europa, nella zona dello spoletino sono state trovate tracce di questo cereale addirittura in una tomba etrusca (Tomba della Biga) risalente al VI° secolo avanti Cristo.

Dal Falò alle Pasquarelle

Rassegna dei presepi e Focone delle Venuta

La Rassegna dei Presepi del comune di Cascia, inaugurata come da tradizione nel pomeriggio dell’8 dicembre, è l’evento che ha conquistato il ruolo di manifestazione principe delle vacanze di Natale in Valnerina. I protagonisti indiscussi saranno i tanti ed affascinanti presepi, interpretati in chiave tradizionale oppure reinventati attraverso l’estro e la fantasia con elementi naturali, stoffe, sassi pitturati, mollette di legno, spaghi, vetro e altri materiali fuori dal comune che li rendono al tempo stesso curiosi, preziosi e raffinati. La notte del 9 dicembre si assiste ad un momento di forte suggestione, l’accensione dei Foconi della Venuta, chiamati anche faoni, per celebrare la Traslazione della Santa Casa della Vergine da Nazareth. Da allora i fuochi sono accesi ogni anno per rischiarare le tenebre ed illuminare il cammino degli angeli. Antichissima e particolare tradizione mantenuta in vita grazie alla dedizione e all'impegno dei cittadini.

Contatti hotel cascia
Contatti hotel cascia

Contatti

Villa Marino - 06043 Cascia (PG)
Telefono +39 0743 751055
info@grandhotelelite.it
info@dicurzioincoming.it

Seguici su Facebook

Link utili

Link di interesse:

  • Informazioni turistiche su Cascia
  • Rafting ed escursioni
  • Passeggiate a cavallo
  • Visite guidate
  • Noleggio moto
  • Escursioni guidate